30/06/2015

Il Fiano di Avellino DOCG 22 di Villa Raiano

Il Fiano di Avellino DOCG 22 di Villa Raiano

Nel Comune di Lapio (AV), reso famoso nel mondo per la presenza nel suo territorio dello storico Palazzo Filangieri, che ospita al suo interno un gran numero di tele dall’altissimo pregio artistico, Villa Raiano coltiva le uve dalle quali viene ottenuto, a partire dal 2009, il suo apprezzato Fiano di Avellino DOCG 22.

Le uve coltivate in questa zona vengono accuratamente selezionate prima di percorrere il tragitto di 22 Km (da qui il nome di questo cru) che separa i vigneti dalle cantine all’interno delle quali ha luogo la vinificazione: dopo la vendemmia di fine Settembre, infatti, le uve vengono sottoposte ad una decantazione statica susseguente ad una pressatura soffice dei grappoli interi. Successivamente all’inoculo con lieviti preselezionati, avviene la fermentazione in acciaio e lo stazionamento di ben dieci mesi su fecce fini poste in tini di acciaio. Alla fine del processo, il Fiano di Avellino DOCG 22 Villa Raiano completa il suo affinamento per altri 14 mesi direttamente in bottiglia.

A conferire al Fiano Di Avellino DOCG 22 le sue particolari caratteristiche organolettiche contribuisce la struttura argilloso-calcarea dei terreni, peraltro ricchi anche di arenarie gialle. Collocati a circa 500 metri sul livello del mare, i vitigni sono sovrastati da montagne alte anche 1500 metri. Il carattere deciso ed aromatico del Fiano ‘’Ventidue’’ di Villa Raiano è influenzato anche dal particolare microclima del Comune di Lapio, caratterizzato da escursioni termiche anche di 12/13 gradi tra la mattina e la notte.

Fiano di Avellino: cenni storici

Lapio può a tutti gli effetti definirsi la ‘’patria del Fiano’’: fu proprio in questo territorio che i Greci impiantarono le prime colture di Vitis Apicia, così definita per la tendenza di queste viti ad attirare, grazie alla dolcezza del loro profumo, un gran numero di sciami di api all’interno delle vigne. I primi documenti che attestano un apprezzamento unanime di questo vino, gradito anche nelle alte sfere della società medievale, sembrano risalire all’epoca di Federico II di Svevia, che ordinò un generoso quantitativo di vino Fiano durante un suo soggiorno a Foggia. Ancor più marcato fu l’interesse di Carlo II d’Angiò, che acquistò circa 1600 viti di Fiano per avviare una coltivazione indipendente a Manfredonia.

Caratteristiche e abbinamenti del Fiano di Avellino DOCG 22 di Villa Raiano

Il Fiano di Avellino DOCG 22 di Villa Raiano è un vino contraddistinto dal colore giallo paglierino e da note aromatiche ricche e intense che ispirano sentori di tiglio, salvia, pesca bianca ed acacia e permettono a questo delicato bianco di sfoggiare un sostanziale equilibrio tra acidità ed alcol.

Al naso si evidenziano profumi riconducibili anche alla Mela Golden, ai fichi bianchi, al rosmarino e alla pera acerba; il gusto è morbido e pieno, sapido e rotondo e rende il Fiano di Avellino DOCG 22 il vino ideale per accompagnare verdure fritte e crocchette di patate. Tra gli altri numerosi abbinamenti consigliati, risultano particolarmente indovinati quelli con arancini, calamari e gamberi fritti, tagliolini con bottarga, spaghetti al pesto e lasagne di funghi e ricotta.

Il Fiano di Avellino DOCG 22 raccontato da Fortunato Sebastiano

Il Fiano di Avellino DOCG 22 è uno dei vini che compongono la Linea Vigne di Villa Raiano che, come sostenuto dall’enologo Fortunato Sebastiano, esprimono in maniera distinta i sapori e gli odori tipici della terra nella quale vengono coltivate le uve dalle quali essi sono ottenuti. Il Fiano di Avellino DOCG 22 risulta pertanto un bianco balsamico, officinale, con forti connotati erbacei e lievemente affumicato, nel quale si esaltano le dolci note di tiglio, miele e frutta secca.

Visto il sapore delicato e al contempo pieno e corposo, il Fiano di Avellino DOCG 22 di Villa Raiano si presta ad essere impiegato anche come aperitivo per far risaltare il suo allungo multi sfaccettato ed appagante.


    > Fiano di Avellino DOCG 22

<< indietro

Copyrights © - Via Bosco Satrano, 1 - Loc. Cerreto - 83020 San Michele di Serino (AV) Italia Reg. Imprese, C.F. e P. Iva: 02165990645 - REA di Avellino n. 140098
Capitale Sociale € 2.457.713,85 interamente versato Tel. +39 0825 595550 (+39 0825 595663) Fax +39 0825 595361 - Dir. e Coord. da BASSO INVEST S.R.L. P.Iva e C.F. 02525210643